Pioli, primo giorno da milanista: “C’è tempo per lavorare e fare bene”

 

Stefano Pioli è il nuovo allenatore del Milan. Sarà lui a guidare la squadra e a cercare di tirarla fuori da una situazione particolarmente difficile sia dal punto di vista tecnico che da quello psicologico. Se il motto di Giampaolo era ‘testa alta e giocare’, quello del 53enne mister di Parma è invece ‘vincere’. “Testa alta o bassa, bisogna vincere – ha spiegato Pioli nella sua prima conferenza stampa – Sono un allenatore esigente, ma allo stesso tempo mi piace curare molto i rapporti a livello individuale con i miei ragazzi. I giocatori devono dare il massimo e sono certo che abbiamo le potenzialità per far bene. Solo con sacrificio e rinuncia ad egoismi individuali si possono ottenere certi risultati“.

Pioli e l’entusiasmo dei giocatori

Il primo ostacolo per Stefano Pioli sarà il Lecce: atteso a San Siro il prossimo 20 ottobre. “I prossimi saranno giorni importanti per conoscerci e capirci. Dobbiamo avere la consapevolezza che siamo il Milan e che giocheremo davanti ai nostri tifosi. Non dobbiamo avere timore e ansia. L’obiettivo è incanalare la nostra emozione in senso positivo per vincere. Come giocherà la mia squadra? So che tipo di interpretazione voglio dare e mi piace pensare che il mio modo di giocare dia entusiasmo ai giocatori. Se uno va in campo e si sente bene con principi e idee è pronto a dare tutto. Ed è quello di cui abbiamo bisogno“.

L’alleato dl nuovo mister rossonero

Il quarto posto? Dobbiamo lottare per la Champions League – ha aggiunto Pioli – Credo ci siano le qualità tecniche e un giusto mix per mettere in pratica un calcio intraprendente, propositivo, efficace. La Serie A è durissima e ci sono squadre forti. Noi dovremo avere coraggio ed essere consapevoli della nostra forza. Dobbiamo dare il massimo per ottenere grandi risultati. Ci sono ancora 31 partite alla fine, quindi c’è tempo per lavorare e fare bene. Il tempo non deve essere il nostro nemico, ma il nostro alleato”.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *