Nuovo San Siro, Milan e Inter vicine all’intesa con il Comune

Forse ci siamo. Dopo mesi di progetti, discussioni e trattative, Milan, Inter e il Comune pare abbiano trovato l’intesa per la riqualificazione della zona di San Siro e per la costruzione del nuovo stadio. Il desiderio dei due club è ormai noto a tutti: pensionare (e in parte demolire) l’attuale impianto e costruirgli a fianco uno nuovo di zecca che, secondo i piani delle due società, dovrebbe diventare il fulcro di una cittadella sportiva pronta a nascere sull’area attualmente occupata dal Meazza, dai suoi parcheggi e dal Trotter milanese.

Dopo i primi progetti presentati in Comune, e bocciati dal Sindaco e dalla sua Giunta, Milan e Inter si sono così rimesse al lavoro e nelle scorse ore hanno portato all’attenzione della giunta del capoluogo lombardo un nuovo progetto di fattibilità per la creazione di uno stadiocon i più elevati standard internazionali e di un Distretto moderno e innovativo per lo Sport e il Tempo Libero“. Secondo indiscrezioni, le due proposte presentate in Comune rispetterebbero le 16 condizioni indicate nel novembre 2019 dal Consiglio e dalla Giunta Comunale: tra queste anche quella di non abbattere completamente l’attuale impianto.

Un progetto da oltre un miliardo di euro

Come spiegato dalla nota congiunta diramata da Milan e Inter, nell’attuale area di San Siro oltre alla realizzazione di un centro commerciale, un albergo e vari spazi per eventi, parte della zona verrà dedicata anche “ad attività sportive, ricreative e culturali, localizzate sia “outdoor” che “indoor”, “running track”, percorso ciclabile, palestra, “skateboard park”, campo da calcetto, il museo dello sport: la maggior parte dei servizi sportivi sarà disponibile gratuitamente al servizio dei milanesi e dei cittadini dei quartieri limitrofi“.

Ac Milan e Fc Internazionale Milano – spiega la nota diffusa dai due club – ritengono fondamentale, soprattutto in questo momento, poter avviare un progetto da oltre un miliardo di euro a Milano, un’opera di eccellenza internazionale che genererà migliaia di posti di lavoro e rappresenta una straordinaria opportunità di rilancio per la Città e per il sistema calcio italiano“. A questo punto si attende solo il via libera definitivo, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *