Milan: ecco le trappole del nuovo calendario

Manca ormai meno di un mese all’inizio del campionato, e mentre il calciomercato continua a regalare sorprese (sia in entrata che in uscita) l’attenzione di molti è concentrata sul calendario rossonero. La Serie A 2019/20 dei rossoneri comincia domenica 25 agosto alle ore 18 (diretta Sky) contro l’Udinese: squadra che nella scorsa stagione ci ha tolto quei punti fondamentali per la corsa alla Champions League, dopo quell’assurdo gol preso dai ragazzi su un calcio d’angolo a nostro favore. Dopo la gara di Udine, match da prendere sempre con le pinze, il Milan avrà il Brescia in casa (sabato 31 agosto, ancora alle 18, ma questa volta su Dazn) e un’altra trasferta rovente: quella allo stadio Bentegodi di Verona, impianto che rievoca grandi delusioni e terribili sofferenze.

I due cicli di ferro del nostro calendario

Le prime tre giornate del nuovo campionato, sulla carta potrebbero dunque regalarci subito nove punti prima del derby. Analizzando però l’intero tabellone rossonero, saltano all’occhio i due cicli di ferro a cui Romagnoli e compagni andranno incontro: dalla quarta alla settima giornata (contro Inter, Torino, Fiorentina e Genoa) e tra la undicesima e la tredicesima con le partite con Lazio, Juventus e Napoli. Oltre a quello in avvio, il momento dove il Diavolo potrà invece ‘respirare’ e cercare di fare un filotto di punti è a cavallo tra la 14esima e la 16esima, dove affronteremo una dietro l’altra Parma, Bologna e Sassuolo: il tutto prima di concludere con Atalanta, Sampdoria e Cagliari.

Sarà ovviamente fondamentale partire bene e cercare di arrivare all’incrocio con l’Inter con più punti possibili: condizione necessaria per poter affrontare la stracittadina senza grandi preoccupazioni di classifica e con il morale a mille. Vincere con i nerazzurri sarà come sempre d’obbligo, specialmente dopo le ultime partite perse in maniera beffarda.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *