Il cuore del Milan batte ancora

Brutto come da alcune settimane a questa parte, sporco nelle giocate scolastiche e prevedibili, e con la faccia cattiva di Bakayoko e Paquetà, il Milan salta con sofferenza l’ostacolo Bologna e arriva a tre punti dal quarto posto. Missione compiuta dunque per i rossoneri, anche se la vittoria è stata in effetti l’unica notizia positiva della serata di San Siro: un successo che, nonostante tutto, ci tiene infatti ancora in corsa per la Champions League. Il traguardo europeo sarà però raggiungibile solo se riusciremo a conquistare tutti i nove punti a disposizione, e solo se le altre squadre (soprattutto la Juventus) giocheranno in maniera onesta contro le nostre dirette concorrenti.

La tranquillità del Milan

Si sono fatte tante chiacchiere quest’anno, ora dobbiamo pensare solo al campo e ad onorare la maglia“. Gattuso sbaglia quando insiste sul 4-3-3 e su alcuni giocatori, ma ha ragione da vendere quando parla a Sky di tutto ciò che è successo intorno alla squadra, che ha in qualche modo tolto energie mentali al gruppo. “Dobbiamo cercare tranquillità e ci vuole voglia di mettersi a disposizione. Se non c’è questo è giusto andare a giocare al parco con gli amici“. La prossima, sulla carta l’ultima partita difficile del nostro campionato, sarà fondamentale per l’obiettivo europeo e sarà dunque importante arrivarci con la giusta concentrazione.

A Firenze per “battagliare”

Quale sarà la formazione che, al netto di infortuni e squalifiche, scenderà in campo al Franchi di Firenze è ancora presto per dirlo. L’importante sarà affrontare i viola con quella voglia e grinta messa in mostra da Jose Mauri e Abate: giocatori che si sono fatti trovare pronti nel momento più difficile del match con i felsinei. Per dirla alla Gattuso, contro la Fiorentina di Montella ci sarà ancora da “battagliare”. L’errore e la sconfitta non saranno però ammessi. Chi non se la sentirà, come ha scritto su un lenzuolo la Curva Sud in occasione dei novanta minuti contro il Bologna, è meglio che rimanga a casa.

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *