Gazidis, nuovo ad del Milan: qualcuno ha ancora dei dubbi su Elliott?

Yonghong Li a casa a grigliare la carne, Leonardo e Maldini in società, squadra in Europa League, Gattuso in panchina, Higuain in campo e la coppia Berlusconi-Galliani pronta a rilevare il Monza. Se pochi mesi fa qualcuno avesse pronosticato un simile scenario, lo avremmo tranquillamente invitato a prenotare una camera nell’ospedale più vicino. Quello che sembrava francamente impensabile, è invece diventato realtà. E per fortuna, visto che erano già in molti (Uefa compresa) a pensare di organizzare il funerale al vecchio Diavolo. Grazie ad Elliott, ora il Milan è un’altra cosa. E’ tornato ad essere simile a quella società super strutturata (e vincente) dei primi tempi di Silvio Berlusconi. Per intenderci: quella che “abitava” ancora nella vecchia sede di via Turati, dove aveva un ufficio tutto per sé anche un grande dirigente come Ariedo Braida.

L’importanza di Gazidis

Era nell’aria da settimane, ma da pochi minuti è ufficiale: Ivan Gazidis è dunque il nuovo amministratore delegato del Milan. Dal primo dicembre ci sarà lui al comando, e anche se in pochi lo conoscono, c’è da fidarsi del suo curriculum. Brillante ed esperto dirigente di fama internazionale, Gazidis è stato infatti capace di gestire al meglio l’Arsenal nel momento del traumatico addio di Arsene Wenger. A Milano avrà il compito di amplificare e monetizzare l’appeal del marchio rossonero, ma anche di garantire quella serietà e solidità economica (anche e soprattutto agli occhi dell’Uefa) della proprietà Elliott: oggi più che mai convinta a riportare il alto il Milan. L’ingresso del 54enne dirigente sudafricano, è dunque l’ennesima boccata d’ossigeno per un club violentato da un cambio di proprietà imbarazzante e da una gestione a dir poco “cialtronesca”, nonostante il lavoro (più o meno condivisibile) di Marco Fassone e Massimiliano Mirabelli.

Il benvenuto di Elliott

L’annuncio di oggi rappresenta l’ultimo tassello di un Club che punta nella giusta direzione – ha fatto sapere Paul Singer, numero uno di Elliott – Ivan Gazidis è un professionista con un’altissima reputazione e un chief executive di grande talento, che ci aspettiamo possa portare il club a esprimere tutto il suo potenziale. Assicurando la costante dedizione di Elliott su stabilità finanziaria e massima supervisione, confidiamo di avere successo sul campo e garantire a tutti i tifosi un’esperienza di livello mondiale“.

 

 

 

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *