Cutrone e le buone notizie per il Milan

Battuta la Sampdoria grazie a Cutrone e conquistata la qualificazione ai quarti di Coppa Italia, ora il Milan può concentrarsi sulla finale di Supercoppa contro la Juventus. Il day after della sfida di Genova è un concentrato di emozioni e pensieri, anche se non tutto ha funzionato a dovere nei 100 e passa minuti di Marassi. In questa analisi, però, preferiamo concentrarci su ciò che di buono si è visto e lasciar perdere per una volta le critiche ad un gioco che ancora non soddisfa o la situazione ormai imbarazzante di Gonzalo Higuain.

L’applauso iniziale va a Cutrone. Già, perché anche nella serata del debutto dell’ennesimo giocatore straniero nel nostro campionato, il buon Patrick ha dimostrato ancora una volta quanto il nostro calcio sia spesso superficiale di fronte al talento di molti ragazzi italiani. La solita adrenalina, due gol bellissimi e quell’esultanza che piace molto a noi tifosi: Cutrone è pronto per per la Nazionale di Mancini ma anche e soprattutto per la finale di Gedda. Ora tocca solo a Gattuso decidere se farlo partire dall’inizio o fargli fare il Massaro di turno: ovvero quello che entra e decide a gara in corso.

Lo show di Pepe Reina e il ritorno di Andrea Conti

Anche Pepe Reina merita applausi. Il portierone spagnolo ha infatti tenuto in piedi la baracca con almeno 4 parate decisive prima e dopo lo show di Patrick. Complimenti, perché non è semplice vivere all’ombra di Donnarumma e farsi trovare pronto in quelle poche situazioni dove ti chiamano per giocare. Pepe Reina merita inoltre tutto il nostro sostegno per il suo comportamento. Gli avevano promesso una maglia da titolare, si ritrova invece a recitare il ruolo da riserva. Nonostante tutto mai una parola fuori posto e sempre vicino ai compagni di squadra.

Noi eravamo tra quelli che avrebbero voluto vederlo dall’inizio, e ci è bastato osservare cosa ha combinato appena entrato per avere la conferma che il nostro era un desiderio più che legittimo. Il ritorno di Andrea Conti è una grande notizia ed è un’arma in più per Rino Gattuso, che ora avrà il compito di trovargli un posto da titolare in squadra. A nostro avviso di gran lunga il miglior acquisto della scorsa stagione, Conti è un giocatore unico in questo Milan e intorno a lui Rino dovrà cercare di costruire il modulo migliore la squadra del futuro.

Buona la prima per Paquetà

Infine, Lucas Paquetà. Dopo pochi giorni dal suo arrivo in Italia, il brasiliano ha giocato 85 minuti con personalità e facendo intravedere una buona tecnica. Inizialmente schierato come interno di centrocampo “alla Bonaventura”, e successivamente spostato più avanti a ridosso di Higuain, l’ex Flamengo ha dimostrato di dover ancora assimilare al meglio i movimenti che gli chiede Gattuso, ma anche di avere fisico, piedi e testa sufficientemente pronti per il calcio italiano. Come esordio, non potevamo chiedere di meglio.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *